Gli invisibili. Cosa vedere al cinema dal 4 ottobre

Cosa vedere al cinema questo week end? Come ogni settimana arriva la nostra rubrica di cinema poco visibile. Vi segnaliamo e consigliamo i film in sala con una bassa distribuzione, le pellicole poco pubblicizzate che meriterebbero di essere conosciute. Correte a cercarli nella vostra città prima che vengano tolti, oppure se non li trovate, segnateveli per recuperarli in futuro.

 

Il Bene Mio

(Italia, 2018) un film di Pippo Mezzapesa. Con Sergio Rubini, Sonya Mellah, Teresa Saponangelo, Dino Abbrescia, Francesco De Vito, Michele Sinisi. Drammatico. Durata 95 minuti.
Il film è oggi distribuito in 59 sale cinematografiche

Elia, ultimo abitante di Provvidenza, paese distrutto da un terremoto, rifiuta di adeguarsi al resto della comunità che, trasferendosi a Nuova Provvidenza, ha preferito dimenticare. Per Elia, invece, il suo paese vive ancora e, grazie all’aiuto del suo vecchio amico Gesualdo, cerca di tenerne vivo il ricordo. Quando il Sindaco gli intima di abbandonare Provvidenza, Elia sembrerebbe quasi convincersi a lasciare tutto, se non cominciasse, d’un tratto, ad avvertire una strana presenza. In realtà, a nascondersi tra le macerie della scuola, dove durante il terremoto perse la vita sua moglie, Noor. Lei è una giovane donna in fuga e sarà questo incontro, insieme al desiderio di continuare a custodire la memoria di Provvidenza, a mettere Elia di fronte a una scelta inesorabile.

L’Albero dei Frutti Selvatici

(Turchia, Macedonia, Francia, Germania, Bosnia-Erzegovina, Bulgaria, Svezia, 2018) un film di Nuri Bilge Ceylan. Con Serkan Keskin, Dogu Demirkol, Ahmet Rifat Sungar, Murat Cemcir, Akin Aksu, Bennu Yildirimlar, Hazar Ergüçlü, Tamer Levent, Öner Erkan. Drammatico. Durata 188 minuti.
Il film è oggi distribuito in 21 sale cinematografiche

L’albero dei frutti selvatici, il film diretto da Nuri Bilge Ceylan, racconta la storia Di Sinan (Dogu Demirkol), appassionato di letteratura, ha sempre desiderato essere uno scrittore. Ritornato nel villaggio in cui è nato, si impegna anima e corpo a raccogliere il denaro di cui ha bisogno per essere pubblicato, ma i debiti del padre lo raggiungono…

Opera Senza Autore

(Germania, 2018) un film di Florian Henckel von Donnersmarck. Con Tom Schilling, Paula Beer, Sebastian Koch, Saskia Rosendahl, Oliver Masucci. Drammatico. Durata 188 minuti.
Il film è oggi distribuito in 145 sale cinematografiche

Ispirato a fatti realmente accaduti, il film racconta tre epoche di storia tedesca attraverso l’intensa vita dell’artista Kurt Barnert, dal suo amore appassionato per Elisabeth, al complicato rapporto con il suocero, l’ambiguo Professor Seeband che, disapprovando la scelta della figlia, cerca di porre fine alla relazione tra Kurt ed Elisabeth. Quello che nessuno sa è che le loro vite sono già legate da un terribile crimine commesso da Seeband decenni prima.

Country For Old Man

(Italia, 2017) un film di Stefano Cravero, Pietro Jona. Documentario. Durata 79 minuti.
Il film è oggi distribuito in 9 sale cinematografiche

Benvenuti a Cotacachi, in Ecuador, dove gli americani inseguono ancora l’«American Dream», in una sorta di paradossale migrazione al contrario. Centinaia di pensionati nord-americani hanno scelto di passare i loro ultimi anni di vita in questa piccola cittadina annidata tra due vecchi vulcani. Protetti dagli alti muri di cinta dei loro complessi residenziali di lusso o sistemati precariamente nelle piccole case del centro, Bruce e Claudia, Michael, Cynthia, Mia, Bob, Jack e Eileen tentano, ognuno a modo suo, di continuare a vivere secondo l’American Way. Cos’è che li ha spinti laggiù: il mito della “nuova frontiera”, lo stesso che aveva animato i loro antenati?

Ancora in sala trovate i film che vi abbiamo consigliato qui la scorsa settimana.