Sognare il viaggio, realizzare il sogno: “Sofia and the stubborn” di Andrés Burgos

Sofia and the stubborn

Il film è basato sulla protagonista interpretata magistralmente da Carmen Maura (una delle attrici preferite di Pedro Almodóvar) che pur non parlando praticamente per tutto il film riesce a trasmettere sentimenti e sensazioni con la sola mimica facciale e del corpo.

Sofia vive in un piccolo villaggio in compagnia del marito (gestore di un negozio di alimentari) ed entrambi seguono una rigorosa routine che scandisce il susseguirsi dei loro giorni. Le sue giornate sono fatte di incontri con la sua amica Mercedes nelle quale ascoltano musica pop (che già fa intuire l’animo ancora giovane delle due donne) e il sogno di fare un viaggio al mare (tema ricorrente delle sue fantasie) con li marito. Quest’ultimo trova però ogni scusa per rimandare o evitare la partenza, così le due amiche decidono di partire di nascosto come due bambine che fuggono dal giardino di casa in cerca delle prime libertà. Un tragico evento impedirà la partenza delle due lasciando Sofia da sola ma sempre con la voglia di partire che alla fine si concretizzerà: in parallelo ci vengono così mostrati da una parte il viaggio di Sofia con numerosi eventi, imprevisti e sopratutto incontri fino all’arrivo all’agognato mare, dall’altra le difficoltà del marito lasciato da solo a gestire casa e routine con ovvi effetti disastrosi.

La gioia e la bellezza del viaggio, pur con difficili imprevisti, sono raccontati dalla bravissima Carmen Maura mentre il personaggio del marito, preciso, pignolo e testardo, riesce a strappare la simpatia dello spettatore disegnando con ironica maestria il classico cliché maschile. Non da meno sono poi i personaggi collaterali che contribuiscono allo sviluppo della trama.
Il tutto è accompagnato da una fotografia eccellente, fatta di simmetrie e sopratutto infiniti colori, da quelli della lussureggiante natura dei dintorni del villaggio a quelli degli arredi e degli edifici.
Un film agrodolce dal grande equilibrio per regalare un momento piacevole di serenità e fuga verso nuovi panorami fuori dalla solita ripetitività quotidiana.

Il film sarà visibile su MUBI fino al 14 dicembre.